[#E-commerce & SEO] Cornerstone applicata agli store online

La domanda mi pongo più spesso riguardo al posizionamento nei M.R. dei miei progetti è “come faccio creare un buon rank dell’e-commerce per la parola chiave X?”.

 
Oggi mi sono reso conto informandomi su varie fonti che questa domanda non è corretta in alcun modo: intanto non sono i siti ad avere “ranking” bensì le “pagine” ergo se desidero un buon ranking per una determinata keyword, dovrò andare a lavorare sulla specifica/e pagina/a ed ovviamente è necessario determinare quale pagina sta per essere progettata per avere il ranking elevato, assolutamente non esiste dare al sito un ranking!!! (per una o più keywords).
 
Altra cosa che mi ha lasciato di m***a è che aggiungendo la keyword nel titolo di ogni pagina non aiuta affatto
Nemmeno scrivere 8000 articoli incentrati su una keyword (quella del ranking di prima) è una gran cazzata se non possiedi, allora la strategia qual’è??

Creare una  “pagina hub” che è il centro del contenuto su questo argomento.

 

L’ILLUMINAZIONE

 
Quella pagina avrà bisogno di essere al 100% coinvolgente per il lettore e soprattutto appetibile per i M.R. in tutti i modi.

Questa tecnica di creazione contenuti con pagine collegate ad una pagina hub si chiama “Cornerstone” (termine coniato da Brian Clark)

 
Ora parliamo di dove, all’interno del sito, dove il contenuto deve essere collocato.
A mio avviso, secondo la mia esperienza e secondo degli split test il contenuto veramente importante merita una pagina dedicata all’interno della struttura del tuo sito, non è una notizia / post: è un contenuto che da una copnnotazione a tutto il resto.
Soprattutto dovrebbe essere facilmente raggiungibile, navigabile con pochi click: l’utente che atterra nel tuo e.-commerce deve trovare subito quelle pagina “hub” che a loro volta fanno da “bussola” per i contenuti successivi
 
Quindi, personalmente dopo aver compreso la logica dei “Cornerstone” ho iniziato a progettare delle pagine “hub” all’interno dei progetti.
Ci vuole tempo, ed è un processo impegantivo, bensì ti assicuro che permette di raggioungere risultati ottimi (lato SEO), ma anche lato marketing: significa che i visitatori reali (non i crawler) leggeranno “contenuti di valore” e averemo la possibilità di convertire queste persone. Quindi, secoindo il mio punto di vista è bene pensare a tutti i motori di ricerca che si desidera, ma pensare anche al visitatore che finirà su quella pagina ed offrire a lui / lei qualcosa di valore spingendolo ad iniziare un’esperienza che lo porterà al checkout….scusa se poco…
 
Pensa sempre con differenti visioni, perchè il successo di un e-commerce è frutto di tanti tipi di stratefgie applicabili in tanti campi dell’IT.
Se necessiti di consulenza per il tuo e-commerce, il tuo negozio online o il tuo blog per massimizzare le vendite, scrivi ad amministrazione@like-mlm.com oppure chiama allo 3392247119

Andrea Tamburelli
CEO at | | + posts

Laureato in informatica, con un master in comunicazione digitale e web marketing ed una specializzazione triennale in Consulenza Retailing.
Specializzato in strategie di vendita e Network Makreting, consulente per numerose startup di successo, contributor per diversi autori d'oltreoceano, per reports, white papers e blogposts.
Dal 2010 Titolare di Like-MLM Strategies, l'unica azienda in Italia con la caratteristica di fornire ad aziende di network marketing o reti di vendita, assistenza software, consulenza startup e fornitura strumenti e strategie di vendita e gestione.
Detentore del brevetto di Like-MLM Diamond, un software con algoritmi speciali per il conteggio ed analisi dei piani compensi per il network marketing.
Fornisce piattaforme e strategie innovative di vendite focalizzate sulla fusione dell'online e della vendita tradizionale.

Commenti

Commenti

Potresti legger Anche....  Il metodo AIDA è ormai materiale ammuffito