Ma i Bloggers sono responsabili per i commenti rilasciati dai loro visitatori??

In passato, tranne che nel 2013, quando abbiamo dato ampio risalto alla vicenda relativa al fatto  che il gestore di un sito web che permette la pubblicazione di contenuti da parte degli utenti-lettori agisca come “intermediario della comunicazione”.

Egli, cioè, fornisce un servizio che consente agli utenti di comunicare vicendevolmente ma non può essere chiamato a rispondere del contenuto dei messaggi pubblicati dagli iscritti. 

Sarebbe come se Facebook o Twitter fossero chiamati a rispondere in sede civile e penale di tutti i messaggi pubblicati dai loro utenti.

Gestori dei siti responsabili per i commenti degli utenti?

[Se sei arrivato da Linkedin, vai in fondo alla pagina, e leggi a partire dal carattere in H3]
Ha sollevato quindi grande scalpore, in questi giorni, una sentenza della Corte di Cassazione che – secondo il parere di molti – costituirebbe un grave precedente.

La vicenda coinvolge, in questo caso, il titolare di un sito web – una community – sul mondo del calcio e il Presidente della Lega Nazionale Calcio, Carlo Tavecchio.

La sentenza è stata resa nota già da qualche giorno (In questo link troverai la copia del provvedimento diffusa da “La Repubblica“) ma abbiamo preferito analizzarla con calma prima di trarre delle conclusioni, ove possibile.

Diciamo subito che la sentenza della Cassazione, diversamente da quanto riportato dalla maggioranza dei siti e dei blog italiani, non configura la responsabilità del gestore a fronte dei contenuti pubblicati dagli utenti-lettori.

Nel caso di specie, un utente ha pubblicamente diffamato – con un suo commento – Tavecchio diffondendone anche il presunto certificato penale.

Lo stesso utente ha poi contattato il gestore del sito inviandogli lo stesso documento pubblicato sotto forma di commento.
Nei giorni successivi, il titolare della community avrebbe poi scritto un articolo citando il messaggio oggetto di contestazione e ponendo una serie di interrogativi.

I giudici della Corte di Cassazione, quindi, paiono asserire che un gestore diviene responsabile del contenuto dei messaggi illeciti pubblicati dagli utenti nel momento in cui venga a sapere della loro esistenza e non si attivi per gestirli in maniera adeguata (i.e. rimozione).

Qui i giudici della Cassazione sembrano prendere una cantonata grave e preoccupante e, sebbene con il rispetto che si deve a chi fa una professione incredibilmente difficile “in nome del popolo”, non si può fare a meno di metterlo nero su bianco senza esitazioni né reticenze“, scrive l’avvocato Guido Scorza, docente di diritto delle nuove tecnologie e presidente dell’istituto per le politiche dell’innovazione. “Avere notizia dell’avvenuta pubblicazione da parte di un terzo all’interno di un proprio sito internet di un determinato contenuto ed avere, di conseguenza, l’opportunità di valutarne la liceità non basta a rendere il gestore di una piazza online responsabile per l’eventuale illiceità del contenuto in questione“.

Potresti legger Anche....  Oggi voglio essere (per un post) il TUO cliente ideale!

Scorza ricorda, insomma, che è fondamentale che il titolare del sito – che agisce come “intermediario della comunicazione” – abbia notizia del carattere illecito del contenuto pubblicato da parte dei suoi utenti.

“Si tratta di un insuperabile principio di civiltà giuridica scolpito da oltre 15 anni nella disciplina europea sul commercio elettronico a tutela proprio della Rete come volano e megafono della libertà di informazione”, continua ancora Scorza.

Ecco cosa pensa la Corte Europea sulla responsabilità dei gestori dei siti e la loro responsabilità nei confronti del commenti, e successivamente la mia personale idea:

Diversamente da quanto riportato da diverse testate, comunque, non sembra scaturire un obbligo automatico di controllo a carico dei gestori dei siti web e dei titolari di un qualsiasi blog.

Io penso però da Blogger e gestore di almeno 10 piattaforme di blogging, che quotidianamente riceviamo almeno 100 commenti di cui il 70% di SPAM fastidiosissima che oltrepassa addirittura ogni difesa installata appunto per evitare lo spamming, ed il 30% di commenti che devono essere controllati uno ad uno perchè ritengo che un commento fatto per nuocerti, se non viene riconosciuto, può sortire un effetto devanstante soprattutto se si aggregano gli haters o i cosiddetti “Leoni da tastiera” che solo per divertimento creano un “wall of hate” gratuito che nuoce all’immagine del sito e inibisce le persone che eralmente vorrebbero commentare dal farlo, per cui la mia personale risposta è SI, il responsabile di un sito è pienamente responsabile di ciò che viene pubblicato, ed a maggior ragione se il commento è diffamatorio, va bannato immediatamente, d’altraparte ogni blog dovrebbe avere delle linee guida per i commenti e per evitare che nessuno ti tocchi qualora gli cancelli il commento che non rispetta quelle norme.

Andrea Tamburelli

Andrea Tamburelli
CEO at | | + posts

Laureato in informatica, con un master in comunicazione digitale e web marketing ed una specializzazione triennale in Consulenza Retailing.
Specializzato in strategie di vendita e Network Makreting, consulente per numerose startup di successo, contributor per diversi autori d'oltreoceano, per reports, white papers e blogposts.
Dal 2010 Titolare di Like-MLM Strategies, l'unica azienda in Italia con la caratteristica di fornire ad aziende di network marketing o reti di vendita, assistenza software, consulenza startup e fornitura strumenti e strategie di vendita e gestione.
Detentore del brevetto di Like-MLM Diamond, un software con algoritmi speciali per il conteggio ed analisi dei piani compensi per il network marketing.
Fornisce piattaforme e strategie innovative di vendite focalizzate sulla fusione dell'online e della vendita tradizionale.

Potresti legger Anche....  Sei un'Azienda di Network Maketing e vuoi fare e-commerce?

Commenti

Commenti

3 pensieri riguardo “Ma i Bloggers sono responsabili per i commenti rilasciati dai loro visitatori??

Lascia un commento